Notiziario della settimana

  • Domenica 10 Dicembre 2017

    Versione stampabileVersione stampabile

     

                                                       Raddrizzare i sentieri per andare incontro al Signore che viene a salvarci

    La parola di Dio è un grande annuncio di speranza e di salvezza. Così inizia il testo del profeta Isaia. Verrà uno dall'alto, verrà il Signore. Egli ci salverà.

    Per accogliere il Signore Gesù occorre preparare la strada, raddrizzare i sentieri. Ce lo dice Giovanni Battista, lui che è il testimone, il battezzatore, l'annunciatore.

    Giovanni Battista "grida" e rinnova il messaggio del profeta Isaia che consolava il popolo, quando era schiavo in terra straniera. La situazione cambierà, perché viene una persona, "verrà" dice il Battista "il vero Salvatore di tutti".

    Giovanni Battista che ha dedicato tutta la sua vita per servire il Signore, vive nel deserto, nel sacrificio, nella penitenza, per esprimere il suo amore al Signore e per preparare il popolo ad

    Anche in noi ci deve essere una forte vita spirituale per accogliere degnamente il Signore.

    Cos'è che è storto? Cos'è che ha bisogno di essere raddrizzato? Che cosa dentro di me non è secondo il Signore? Nella vita della società e dell'intera umanità cosa va raddrizzato? Che cosa non è secondo il pensiero e il progetto del Signore, che vuol far conoscere e sperimentare il suo amore a tutti e vuole che tutti gli uomini siano fratelli?

    Raddrizzate! Questo significa impegnarsi ogni giorno a liberare i pensieri, i sentimenti, le scelte concrete dalle buche dell'egoismo e dalle pietre dell'indifferenza, quando ci possono essere in noi dei segni di invidia, di carrierismo, di litigiosità, di rifiuto del dialogo, di pretesa di avere gli altri al nostro servizio.

     

    Prima Confessione: Come presentare la confessione ai bambini?

    Insegnare loro il significato e le conseguenze del peccato e le realtà meravigliose che comporta il pentimento per gli errori. Prima di angosciare i bambini dicendo loro costantemente “Non fare questo perché è peccato”, è importante parlare loro della bontà di Dio e di come tutti dobbiamo sempre cercare di essere suoi buoni figli e di dargli molti motivi di gioia.

    I bambini capiscono cosa vuol dire peccare e quali sono le conseguenze. È fondamentale che comprendano che il peccato è più di una semplice questione di cattivo comportamento.
     È importante che capiscano che il peccato viene dal cuore (Matteo 15,18-19), cioè che più che un'azione specifica è un atteggiamento del cuore che dà luogo a quell'azione.
     
    Credo sia importante trovare dei modi per far capire loro quello che le azioni che compiono rivelano il loro cuore.
    I genitori hanno il dovere morale di risvegliare la coscienza morale dei loro figli per far vedere loro che al di sopra dei nostri errori, degli sbagli, delle mancanze (il peccato) c'è Dio, con il suo amore, disposto a perdonare.
    In questo modo il bambino comprenderà a poco a poco che certe sue azioni offendono il Padre del Cielo, ma che non tutto è perduto perché Dio perdona sempre, quando torniamo a Lui.
     
    Di fronte a questa realtà, è importante iniziare il bambino alla necessità di provare un certo dispiacere non solo per le sue cattive azioni, ma anche per le cose che avrebbe dovuto fare e non ha fatto.
    È così che si inizia il bambino al senso o alla nozione di peccato, alla necessità del pentimento e alla ricerca della soluzione attraverso il perdono.
     
    Una cosa importante è la testimonianza dei genitori. È molto positivo vedere che i genitori si confessano. Non dimentichiamo che nessuno può sostituire il fondamento di ogni educazione: l'esempio dei genitori.

     

    Il nostro Vescovo, su richiesta del Movimento per la vita, per sostenere il discernimento dei nostri parlamentari, chiede di recitare queste due intenzioni di preghiera: * Preghiamo perché nel nostro procedere siamo sempre guidati dalla Parola di Dio e siamo capaci di accompagnare con amore le persone in fin di vita, consentendo loro di morire con dignità, nel pieno rispetto della sacralità della vita umana. * Preghiamo per essere capaci di non lasciare soli i sofferenti e per ricordare che la medicina, prima di essere una tecnica, è un’arte animata dall’amore e dalla compassione e che nel suo procedere deve sempre tener conto della sacralità della vita umana.

     

    Abbonarsi al MOMENTO, settimanale cittadino e diocesano: rivolgersi in parrocchia: abbonamento annuo € 40; digitale: € 20.

     

     

    E’ costituita in diocesi l’associazione “Buon Samaritano”, di cui fanno parte i vari volontari delle attività parrocchiali, per avere una vera qualifica per la loro preziosa opera e per usufruire dell’assicurazione. Si può chiedere di far parte dell’Associazione.

     

     

    Azione Cattolica ”Fratelli e sorelle, riuniti intorno all’altare invochiamo la paterna bontà del Signore, perchè illumini il vostro cuore, fortifichi la vostra volontà e confermi la gioia dell’impegno di corresponsabilità che oggi, come laici, assumete verso la Chiesa nella sua azione apostolica. A questo siete stati chiamati fin dal giorno del vostro battesimo; ora di nuovo, responsabilmente, lo confermate mediante l’adesione all’Azione Cattolica perchè si scorgano e si moltiplichino i segni dell’amore di Dio in mezzo agli uomini.

     

     

     

    Avvento di Fraternità per i Missionari forlivesi nel mondo: con le offerte di questo Avvento sosteniamo progetti di evangelizzazione, di scuole, di centri nutrizionali in Madagascar, Bangladesh, Eritrea, Camerun, Costa d’Avorio.

     

    10 - 17 dicembre 2017

     

    Domenica  10 dicembreSeconda di Avvento

    E’ aperta la Mostra-Vendita Missionaria.                    

    RITIRO di AVVENTO dalle ore 15,30 alle 17,30 presso il monastero delle Agostiniane di Forlimpopoli.

    Prima Confessione dei Bambini di Quarta Elementare presso i Padri di Vecchiazzano.

    Lunedì 11 dicembre

    Ore 20,45 Incontro sulla Bibbia, al Teatro Tiffany: “Lo straniero in mezzo a voi” (Lv. 19,34): pluralità di approcci nei complessi rapporti coi “diversi”. Relatore d. Enrico Casadei Garofani

    Mercoledì 13 dicembre

    S. Lucia: celebrazioni nella chiesa di corso Repubblica

    Giovedì 14 dicembre

    Ore 17 Catechismo per tutti i Gruppi.Ore 20,45: Comunità Capi Scout: Veglia di Avvento

    Venerdì   15 dicembre

    Giornata di Adorazione

    Ore 17 Catechismo per tutti i Gruppi,anche la terza elementare.                                                                                           

    Sabato 16 dicembre

    Ore 15 Catechismo SECONDA elementare: Incontro Genitori e Bambini . Uscite natalizie dei gruppi Scout .  Ore 17,30  S. Messa prefestiva, accoglienza della  Luce da Betlemme. ore  19  Ritrovo Giovani Coppie.

    Domenica 17 dicembre Terza di Avvento

    III  Domenica del mese:   Raccolta di generi alimentari e prodotti per la casa, da offrire come dono natalizio alle famiglie in difficoltà.  Ore 12,45  Pranzo natalizio delle Famiglie, dei pensionati e degli amici della Caritas (iscriversi)

    Sono entrati nella Vita Eterna: ARIEDE LONARDI, LUCIANO PARRONCHI, AMELIA BARTOLOZZI,

    ALBERTO VIGNATELLI.