Chi fa la volontà di Dio… fratello, sorella, madre

Versione stampabileVersione stampabile

Chi fa la volontà di Dio…         fratello, sorella, madre

                                  Gesù predicava e scacciava i demoni con particolare autorità ed era per l’assoluta libertà con cui la esercitava che il potere costituito l’ha affrontato. Non riuscendo ad intaccare l’opinione della gente, eccolo ora ricorrere alla calunnia e toccarlo in quello che più impressionava le folle: “Persino gli spiriti impuri gli ubbidiscono”. “Facile” – dicono gli scribi – E’ uno di loro!”

                Non ci interessa tanto la polemica. Ma vogliamo guardare come Gesù tratta chi gli è ostile, cosa rivela di sé e come affronta la situazione che lo circonda.  Arrivano a dire “E’ un esaltato, è fuori di sé, è un pazzo. Quando questa diceria giunse agli orecchi dei suoi parenti a Nazaret, essi uscirono per andarlo a prendere, perché neanche loro credevano in lui.  Come reagisce Gesù? Continua ad annunciare la salvezza e dice che il regno di satana sta per finire.

               Gesù non ha perso la calma. Calunniato, dice ai suoi ascoltatori di avvicinarsi: “li chiamò a sé” e parla loro nel linguaggio semplice e profondo delle parabole.

               Arrivano sua madre e i suoi parenti, lo mandano a chiamare. Gesù non dice assolutamente nulla contro i parenti, ma continua a parlare della sua missione. “Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?”  Il suo insegnamento che si fa proposta: “Chi fa la volontà di Dio è per me fratello, sorella e madre”.  Non è una mancanza di rispetto per sua madre, ma è la vera esaltazione di lei. Maria Ss. comincia la sua adesione al Signore con le parole: “Ecco la serva del Signore si compia in me quello che hai detto”.  E sempre ha compiuto, nella fede e nella generosità del cuore, la volontà di Dio. Maria è davvero la vera “discepola” di Gesù e Madre, in modo nuovo e impensato.